Banksy. L’universo (quasi) ignoto di un vandalo, in un libro
16 Set, 2021

 

 

Chiara Suardi

Articolo tratto da: Artslife 1 – 12 – 2018 ( qui il Pdf)

 

*

“Non so perché le persone siano così entusiaste di rendere pubblici i dettagli della loro vita privata, dimenticano che l’invisibilità è un superpotere“. Banksy

Ed è proprio dell’invisibilità che Banksy si è servito per diventare ciò che è. Potremmo definirlo un “popolare” non convenzionale. Talmente popolare e talmente non convenzionale che nel 2010 Time lo ha incluso nella lista dei cento individui più influenti al mondo -una lista che includeva nomi del calibro di Barack Obama, Bill Clinton e Steve Jobs, per intenderci.

Non si conosce con certezza la sua identità, eppure si tratta di uno dei creativi contemporanei più seguiti, da chi lo celebra come testimone geniale dello zeitgeist a chi lo declassa a effimero fenomeno commerciale.

 

*

 

Banksy è senza dubbio il simbolo dell’”arte allo stato urbano” che sta letteralmente modificando il volto delle nostre città. Ma quali sono i motivi che rendono l’autore di opere spesso elementari e destinate a vita brevissima un artista ormai di culto globale? Quale radice comune, se ne esiste una, può legare queste immagini spesso delicate e minimali alle esplosioni di colore sovente incomprensibili della street art?

 

Banksy palestina

*

Come può questo artista divisivo, questo “vandalo” imbrattatore di muri vedere il proprio lavoro esposto in un vero museo, a poche centinaia di metri dai capolavori “istituzionali” dei maestri fiamminghi?

Apprendendo dell’anonimato di Banksy, dell’organizzazione che lo protegge, della attenta strategia che segue ci si chiede anche: è arte o marketing? Tutte domande che non ricevono ancora oggi una risposta strutturata da parte dell’accademia.

Ed è proprio per questo che nasce “Banksy. L’arte come rivoluzione”: per indagare le incognite alla base di un fenomeno troppo recente ed eccentrico perché esse possano già trovare risposte compiute in una elaborazione critica significativa e consolidata.

 

Banksy. L'arte come rivoluzione

Il libro: → Banksy. L’arte come rivoluzione

 

“Le istituzioni culturali – afferma Maddalena Ricolfi– sono oggettivamente in difficoltà nel confrontarsi con un soggetto che pare avere come unico desiderio quello di sfuggire al loro controllo, ridicolizzandole. Il sistema dell’arte contemporanea, attratto dalle ghiotte opportunità di profitto, tenta sistematicamente di normalizzare Banksy senza mai riuscirvi completamente”.

 

 

Per cominciare, dunque, l’autrice tenta di ricomporre Frammenti di una biografia impossibile (il titolo del primo capitolo per l’appunto), cercando di trarre dalle poche informazioni a disposizione- i riferimenti culturali essenziali necessari a ricostruire i tratti caratterizzanti della poetica banksyana. Ne scaturisce una parola chiave fondamentale attorno alla quale ruota tutto l’universo di Banksy: contraddizione.

 

*

 

Una contraddizione che pone Banksy in un limbo difficile da annullare.

Una contraddizione che si manifesta sotto diversi profili sviscerati uno a uno all’interno del libro. L’analisi per far luce (per quanto possibile) sul profilo del vandalo più famoso di sempre prosegue analizzando il rapporto di Banksy con il sistema dell’arte contemporanea e con il marketing.

Ecco che ci vengono fornite considerazioni spunto per interessanti conclusioni che, alla fine, ne legittimano l’effettivo ruolo di artista… o no? Non sveliamo troppo, a Banksy non piacerebbe.

Chiara Suardi

 

*

 

Banksy. L'arte come rivoluzione

Il libro: → Banksy. L’arte come rivoluzione

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Dante e l’Islam – Umberto Eco

Dante e l’Islam – Umberto Eco

    ormai assodata l'influenza di molte fonti musulmane sull'autore della Divina Commedia. Ma oggi, turbati dalla violenza fondamentalista, tendiamo a dimenticare i rapporti profondi tra la cultura araba e quella occidentale.   *...

Il Taiji Quan di Gu Meisheng. La Via del respiro

Il Taiji Quan di Gu Meisheng. La Via del respiro

  La via del respiro   È stato tradotto in italiano il libro del maestro Gu Meisheng. In esso vengono affrontati gli aspetti più importanti della pratica riferendosi ai concetti del taoismo, del qi, del “soffio vitale” della dinamica dello yin e dello yang,...

Infinito Pinocchio. C’era una volta Pinocchia

Infinito Pinocchio. C’era una volta Pinocchia

Una grande mostra a Milano dedicata al personaggio di Collodi   La traduzione in dialetto meneghino. E un rarissimo racconto francese con una bambola parlante   di Cristina Taglietti Articolo tratto da: Il Corriere della sera. La Lettura: 11 - 10 - 2015...

Quale democrazia per la Repubblica?  Una recensione

Quale democrazia per la Repubblica? Una recensione

    Flavio Felice Recensione originariamente apparsa su: «Ricerche di Storia Politica», 3, dicembre 2021, pp. 367-368   *   n Quale democrazia per la Repubblica? - Danilo Breschi sviluppa un’attenta analisi storica del pensiero...

Spiriti nelle tenebre: La vera storia dei Leoni di Tsavo

Spiriti nelle tenebre: La vera storia dei Leoni di Tsavo

Cosa spinse i leoni dello Tsavo a mangiare le persone?   *   “Gli uomini li chiamavano “Spiriti nelle tenebre”. Erano i padroni della notte e uccidevano in fretta, senza paura e senza ragione. Niente è più forte della paura che provocano i mangiatori di...

Il medico “santo” di Nagasaki

Il medico “santo” di Nagasaki

La testimonianza di Paolo Takashi Nagai   di Lucio Brunelli Articolo tratto da: L'Osservatore Romano 17 - 11 -2019   *     Quando ricevette il battesimo, il 9 giugno 1934, Takashi Nagai dovette decidere il suo nuovo nome cristiano. Scelse di...

Turandot tra Oriente e Occidente

Turandot tra Oriente e Occidente

    Articolo tratto da: ICOO 10 -2020 (qui il PDF)   *   a versione integrale di Turandot, pubblicata a inizio Settecento dall'orientalista francese François Pétis de la Croix, è un bell'esempio di contaminazione culturale:...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *