Cambellotti Mirabile illustratore
20 Giu, 2022

Condividi ↓

 

 

cambellotti le mille e una notte

 

 

 

DUILIO CAMBELLOTTI IN UN VOLUME DI PAOLA PALLOTTINO

 

*

 

Articolo tratto da: Il nuovo Braidese giugno 2022  (qui il link)

 di Gianni Brunoro

 

*

 

 

C ome sa chi eventualmente segue questa nostra rubrica, essa è a cura dell’ANAFI, Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell’Illustrazione. Dove appunto la “i” finale testimonia un interesse sul quale di tanto in tanto escono volumi di eccellente valore, di cui è il caso di occuparci.

 

*

 

Vale sicuramente per il saggio di Paola Pallottino intitolato Duilio Cambellotti, che si occupa di un illustratore ma non soltanto fra i più significativi nel panorama italiano di settore, specie per quanto riguarda i primi decenni del Novecento. Preliminarmente, però, è necessaria qualche notizia sulla autrice stessa, la curatrice del volume Paola Pallottino.

La quale, instancabile ricercatrice, ha messo insieme un ineguagliabile archivio personale, costituito da migliaia di dossier sugli artisti dell’illustrazione, ossia tante schede e oltre diecimila pubblicazioni del settore, tra libri e riviste. Però non bisogna assolutamente immaginarla immersa in polverose scartoffie!

 

 

*

 

Disegnatrice lei stessa, ha per esempio illustrato con 600 immagini certe edizioni del Nuovo Zingarelli, il famoso Dizionario della lingua Italiana; è stata paroliera di canzoni, per esempio per il CD Donna circo, disco a tematica femminista musicato e cantato da Gianfranca Montedoro; ha scritto i testi di Giovanna d’Arco e di La ragazza e l’eremita per Angelo Branduardi; è lei l’autrice dei testi di canzoni di Lucio Dalla, come Gesubambino (4 marzo 1943) e di Ron, come Il gigante e la bambina, eternamente eseguite da decenni, fino a oggi.

Ma senza dubbio il suo specifico ambito di studio è l’illustrazione, essendo stata professore associato di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Macerata e fondatrice del MIL, Museo dell’Illustrazione di Ferrara; oltre che collaboratrice di opere importanti come l’Enciclopedia universale dell’arte, il Dizionario biografico degli italiani, il Dictionnaire des illustrateurs e l’Allgemeines Künstlerlexikon.

È inoltre autrice, in proprio, di opere scientifiche originali come, fra le altre, Storia dell’illustrazione italiana e Dall’atlante delle immagini.

Insomma, si capisce che anche questo suo Duilio Cambellotti è solo la più recente fra le perle di una sua numerosa collana di opere di gran pregi.

 

 

*

 

Al di là di questi doverosi riconoscimenti alla maestria, alla cultura, alle variegate esperienze di Paola Pallottino nel settore, chi era dunque l’artista al quale è dedicato questo suo saggio?

Ebbene, si fa presto a dirlo: in Duilio Cambellotti viene focalizzata l’arte di uno dei più grandi illustratori italiani otto-novecenteschi.

Come curatrice, Pallottino fa introdurre il saggio da Giulio Carlo Argan (uno dei giganti della critica d’arte in Italia) e lo conclude col nutrito elenco dei libri illustrati da Cambellotti, le sue frequenti copertine e collaborazioni illustrate a periodici, i suoi bellissimi manifesti; ma soprattutto ne scrive una minuziosa biografia dal suggestivo titolo Il buttero cavalca Ippogrifo, integrata peraltro da una autorevole Nota autobiografica dell’artista stesso e imperdibile valenza del volume una ricca scelta di opere illustrative che fanno capire quale sia stata la sua importanza.

 

duilio-cambellotti-8211-le-grazie-e-le-virtù-dell’acqua

 

Di Duilio Cambellotti, diremmo che fu “romano de Roma‘,’ essendovi nato il 10 maggio 1876 e ivi deceduto il 31 gennaio 1960.

Però vi ha presenziato bensì come artista, a esempio in quanto membro dell’Accademia di San Luca e Scenografo al Teatro Stabile dal 1905, ma ha lavorato in diverse parti d’Italia come scenografo, scultore, affreschista e decoratore, esercitando inoltre l’attività in diversi settori, come l’oreficeria, la vetrata, la ceramica, il manifesto; ha fatto lo scenografo al Teatro Greco di Siracusa dal 1914, ha partecipato all’esperienza delle scuole dell’Agro pontino e ha illustrato una quantità di libri, tra gli altri, La Divina Commedia, Mille e una notte, Le Favole di Trilussa.

Come si comprende, Cambellotti fu un artista instancabile.

Ma soprattutto uno che si sentiva come il “maestro” e divenne l’esempio lampante di artista-artigiano per eccellenza, perché vedeva nell’arte una finalità sociale globale, moralistica, pedagogica e intendeva renderla fruibile a tutti.

 

 

*

 

È la stessa ragione etica per cui operò come incisore, xilografo, pittore, architetto, decoratore, arredatore, designer, grafico, cartellonista pubblicitario, progettista di suppellettili, di oggettistica e di componenti d’arredo, ceramista e illustratore di libri ciò che lo portò a essere considerato in Italia uno degli esempi più “onnicomprensivi” di artista. La scelta delle immagini del saggio rende evidente la sua eccellenza come illustratore di pubblicazioni, specie libri e copertine per riviste, ma anche di pregevoli manifesti.

Come si rileva dai pur limitati esempi qui disseminati.

 

Gianni Brunoro

 

 

*

 

 

Duilio-Cambellotti-Paola-Pallottino-

 

Il libro: → Dulio Cambellotti

 

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

Condividi ↓

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

    Ritorna l'opuscolo di Giovanni Papini, del 1953, dal titolo Le disgrazie del libro in Italia (Luni Editrice, pagg. 32, C 8; prefazione di Roberto Palazzi). Pagine fulminanti, in cui ricorda che quando un «italiano desidera leggere un libro», ricorre a...

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

Ripubblicato “Ah, la vecchia Bur!”   *   Articolo tratto da: Succedeoggi luglio 2022  (qui il link)  di Alberto Cadioli   *   L’edizione accresciuta del dialogo tra il direttore (dal 1973 al 2002) della celebre collana economica di Rizzoli e Marco...

Le note di Mussolini

Le note di Mussolini

Corrispondenza Repubblicana   *   di Giuseppe Brienza Articolo tratto da: Il Borghese/Cultura ottobre 2021 (qui il PDF)   *   ppena rientrato dalla Germania, alla fine di settembre 1943, avuto da Hitler l'incarico di costituire...

Gli scrittori si mettono a tavola

Gli scrittori si mettono a tavola

Dall'Artusi a Gadda, un saggio ripercorre il rapporto tra letteratura e cibo in Italia   *   di Giuseppe Polimeni Articolo tratto da: Repubblica luglio 2022 (qui il PDF)   *      urro, quantum sufficit, non più, ve ne...

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

  In un’antologia poetica del “trobar clus” in lingua occitana lo studioso Zambon individua una linea che arriva al Dante della Commedia e parte dal testo biblico   *   Articolo tratto da: Avvenire giugno 2022  (qui il link)  di Carlo Ossola   *...

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

  Voltaire e Casanova   *     Articolo tratto da il Sole 24Ore Armando Torno   *     el 1760 Giacomo Casanova, aiutato dal denaro della marchesa d'Urfé (cultrice di magia e discepola dell'alchimista Benoit de...