I LIBRI IN CINA PRIMA DELL’INVENZIONE DELLA CARTA


Nuovo

I LIBRI IN CINA PRIMA DELL’INVENZIONE DELLA CARTA

Disponibile
possibilità di spedizione entro 3 giorni

16,00
Prezzo comprensivo di IVA, più spedizione
Riduzioni di prezzo

Modalità di spedizione possibili: Raccomandata piego di libri, Fermo Posta, SDA - corriere
Autore: Edouard Chavannes
Traduzione e rielaborazione a cura di Vincenzo Cannata
Collana: Biblioteca ICOO
Pagine: 80
Formato: 17x24 cm
ISBN: 9788879845533
 
La tradizione vuole che la carta sia stata inventata in Cina nel 105 d.C., ma è noto che i cinesi, popolo di antica e raffinata cultura, disponevano di libri fin da tempi molto lontani, almeno dall’epoca Shang (XVI – XI secolo a.C.). Ma come erano questi “libri senza carta”?
Édouard Chavannes, pioniere della sinologia e finissimo studioso dell’antichità cinese, ha tentato di dare una risposta con questo breve ma prezioso studio, pubblicato nel 1905 a Parigi dalla rivista Journal Asiatique. Con grande competenza e straordinario intuito ha saputo ricostruire l’affascinante vicenda e la struttura dei libri e dei documenti ufficiali della Cina arcaica prima dell’invenzione della carta, grazie a un’analisi di fonti letterarie cinesi antiche e sulla base dei pochi ritrovamenti archeologici allora disponibili. Tra fine Ottocento e inizio Novecento, esploratori e archeologi come Aurel Stein, Sven Hedin, Paul Pelliot avevano individuato vere miniere di documenti cinesi (e non solo) antichi, conservati nei monasteri in grotta delle oasi del Turkestan cinese e ne avevano portato una gran parte in Europa, dando vita a un febbrile fermento di studi e analisi da parte delle diverse scuole di sinologia.
Partendo da queste prime acquisizioni, Chavannes compone questo testo ricco di informazioni sorprendenti e di intuizioni fondamentali sulla vera natura dei più antichi libri cinesi e sugli strumenti di scrittura. Intuizioni che hanno trovato conferma nei più recenti sviluppi della ricerca archeologica in Cina.

(Emmanuel) Édouard Chavannes (Lione 1865 – Parigi 1918) fu un sinologo e archeologo francese. Dal 1889 al 1893 partecipò a una missione scientifica in Cina; rientrato in Francia assunse la cattedra di cinese al Collège de France e svolse un’intensa attività di diffusione degli studi di religione e storia della Cina antica.
Divenne celebre per la traduzione dello Shiji, che fu la prima in lingua europea, ora pubblicato da Luni Editrice con il titolo Memorie storiche.
Cerca anche queste categorie: Home page, Biblioteca ICOO, NOVITA'