Gaetano Osculati, il viaggiatore che fece conoscere l’Amazzonia al mondo
5 Gen, 2022

 

Gaetano Osculati, chi era costui?

 

di Armando Torno

Articolo tratto da: Il Sole 24Ore 26 – 10 – 2018

 

 

Ritratto Gaetano Osculati

 

G aetano Osculati, chi era costui? A tale domanda, di manzoniana memoria, si può rispondere dicendo: l’uomo che ha fatto conoscere l’Amazzonia al mondo. Era un italiano, nato a San Giorgio al Lambro (frazione di Biassono), in Brianza, il 25 ottobre 1808.

Ricco di famiglia, cominciò a viaggiare poco più che adolescente.

Divenuto capitano di lungo corso, si avventurò nel Mediterraneo, visitando Egitto, Turchia, Siria e Palestina. Nel 1831 intraprese un viaggio più impegnativo in Asia Minore; nel ’34, dal porto francese di Le Havre fa rotta verso l’America Latina.

 

*

 

Visita Uruguay e Argentina, quindi passa in Cile e finisce in Perù, rimanendo qui bloccato a causa della guerra civile allora in corso. Compie anche il suo primo scavo archeologico e porta alla luce delle mummie, che dovevano essere le Chinchorro, residue di una civiltà precolombiana estinta per avvelenamento di arsenico.

Ritorna poi in Italia carico di reperti entomologici e vegetali, soprattutto etnografici, pubblica la sua prima opera dal titolo “Note di un viaggio nell’America Meridionale negli anni 1834, 35, 36”.

 

*

 

A questo punto dobbiamo immaginare Osculati una sera alla Scala. Vi ritrova un suo vecchio amico, Felice De Vecchi, il quale lo invita ad andarsene in l’Oriente. Lui non aspettava altro.

Il 3 maggio 1841 i due partono in carrozza: raggiungono il Tirolo, Vienna, seguendo il Danubio arrivano a Costantinopoli e cominciano ad addentrarsi in Anatolia, nell’Iran, sino a raggiungere l’India.

Rientrano il 20 luglio 1842 con moltissimi reperti. Scrive un altro libro, ricordando soprattutto la Persia e le Indie Orientali; ormai è un viaggiatore di fama, con estimatori.

 

 

Nel 1846 intraprende il giro del mondo. A causa dei numerosi incidenti, decide di cambiare il progetto e di dedicarlo al Sud America. E qui il suo itinerario si trasforma in esplorazione.

Sceglie di seguire il corso del Rio Napo sino alla foce del Rio delle Amazzoni, dal Pacifico all’Atlantico scavalcando le Ande e percorrendo i fiumi in canoa.

Il resoconto di questo viaggio, come ricorda Alberto Caspani (curatore dell’opera di Osculati e sua volta esploratore),

“rivela al mondo la zona selvaggia dell’Amazzonia e le popolazioni che vi abitavano”.

 

*

 

Continua Caspani: “Qui ha studiato gli Zapara, popolazione dell’alta Amazzonia, ora quasi estinta e tutelata dall’Unesco”. Queste e altre notizie sul memorabile viaggio si rileggono nel libro di Osculati “Viaggio in Amazzonia” che lo stesso Caspani ha curato per Luni Editrice.

Un’opera che mancava da decenni e che Isabella Doniselli Eramo (dell’Istituto di Cultura per l’Oriente e l’Occidente) considera “un documento importantissimo per conoscere popoli e civiltà di cui si sono perse le fonti”.

 

*

 

Il ritorno in libreria del testo di Osculati, che inaugura la collana “Tra cielo e terra” dedicata da Luni agli esploratori di ogni tempo, consente – ricorda Doniselli Eramo –

“di aprire una finestra su un glorioso passato italiano che è ingiusto dimenticare”.

 

Viaggio in Amazzonia

Il libro: → Viaggio in Amazzonia

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Dante e l’Islam – Umberto Eco

Dante e l’Islam – Umberto Eco

    ormai assodata l'influenza di molte fonti musulmane sull'autore della Divina Commedia. Ma oggi, turbati dalla violenza fondamentalista, tendiamo a dimenticare i rapporti profondi tra la cultura araba e quella occidentale.   *...

Il Taiji Quan di Gu Meisheng. La Via del respiro

Il Taiji Quan di Gu Meisheng. La Via del respiro

  La via del respiro   È stato tradotto in italiano il libro del maestro Gu Meisheng. In esso vengono affrontati gli aspetti più importanti della pratica riferendosi ai concetti del taoismo, del qi, del “soffio vitale” della dinamica dello yin e dello yang,...

Infinito Pinocchio. C’era una volta Pinocchia

Infinito Pinocchio. C’era una volta Pinocchia

Una grande mostra a Milano dedicata al personaggio di Collodi   La traduzione in dialetto meneghino. E un rarissimo racconto francese con una bambola parlante   di Cristina Taglietti Articolo tratto da: Il Corriere della sera. La Lettura: 11 - 10 - 2015...

Quale democrazia per la Repubblica?  Una recensione

Quale democrazia per la Repubblica? Una recensione

    Flavio Felice Recensione originariamente apparsa su: «Ricerche di Storia Politica», 3, dicembre 2021, pp. 367-368   *   n Quale democrazia per la Repubblica? - Danilo Breschi sviluppa un’attenta analisi storica del pensiero...

Spiriti nelle tenebre: La vera storia dei Leoni di Tsavo

Spiriti nelle tenebre: La vera storia dei Leoni di Tsavo

Cosa spinse i leoni dello Tsavo a mangiare le persone?   *   “Gli uomini li chiamavano “Spiriti nelle tenebre”. Erano i padroni della notte e uccidevano in fretta, senza paura e senza ragione. Niente è più forte della paura che provocano i mangiatori di...

Il medico “santo” di Nagasaki

Il medico “santo” di Nagasaki

La testimonianza di Paolo Takashi Nagai   di Lucio Brunelli Articolo tratto da: L'Osservatore Romano 17 - 11 -2019   *     Quando ricevette il battesimo, il 9 giugno 1934, Takashi Nagai dovette decidere il suo nuovo nome cristiano. Scelse di...

Turandot tra Oriente e Occidente

Turandot tra Oriente e Occidente

    Articolo tratto da: ICOO 10 -2020 (qui il PDF)   *   a versione integrale di Turandot, pubblicata a inizio Settecento dall'orientalista francese François Pétis de la Croix, è un bell'esempio di contaminazione culturale:...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *