Guénon. La vita quotidiana logora più di una crisi

 

di Armando Torno

Articolo tratto da: Sole24Ore gennaio 2023

 

*

 

N el 1927 René Guénon pubblicò La crisi del mondo moderno. Del libro è uscita una nuova traduzione di Anna Pensante che riporta l’attenzione sulla complessa avventura del termine “crisi”.

 

*

 

Guénon ha, come si dice, aperto le danze del ‘900; esse proseguiranno – per limitarci a casi celebri – con il saggio de11933 Lo schema delle crisi di Ortega y Gasset, soprattutto con l’opera di Husserl La crisi delle scienze europee del1936.

In quest’ultima si ricorda come il termine sia diventato un protagonista dopo la rottura dei fondamenti teoretici del sapere causata dalla scienza galileiana e dai suoi epigoni. Le conseguenze di una crisi erano già analizzate nel libro di Brooks Adams La legge della civiltà e della decadenza (New York1895, tradotto da Mimesis nel 2018), tuttavia l’idea che emerge nel ‘900 si deve a Popper.

 

*

 

Sostiene che la crisi di una teoria va continuamente stimolata, perché il suo banco di prova si deve cercare nella capacità di resistere a tutti i tentativi di metterla in discussione.

Il termine, aggiungiamo, nacque nei testi di Ippocrate, dove s’intendeva con “krísis” scelta, decisione; o meglio la fase decisiva di una malattia (da “kríno”, distinguere, giudicare).

Guénon scrive il suo saggio qualche anno dopo l’uscita de Il tramonto dell’Occidente di Spengler (l’edizione definitiva è del 1923). Nota con preveggenza che l’epoca contemporanea si nutre «di agitazione incessante, di continuo cambiamento, di velocità che aumenta senza sosta». Cosa ne deriva? Accade «la dispersione nella molteplicità», che non può più essere «unificata dalla coscienza di alcun principio superiore».

 

*

 

Succede nella vita corrente, nel pensiero filosofico, scientifico e religioso: si assiste a una «disgregazione dell’attività umana a tutti i livelli in cui si può ancora attuare; da qui deriva l’inettitudine alla sintesi».

Guénon utilizzava riferimenti diversi da chi sosteneva che la crisi non fosse una malattia. Il mondo descritto dal tradizionalista è comunque il nostro; constatò che cultura e idee stavano diventando provvisorie, che il bisogno di consumo si trasformava in vita, che ogni tradizione spirituale era condannata all’oblio. Non è il caso di tormentare con altre interpretazioni un concetto sfuggente, inteso sia come sintomo negativo sia come opportunità. Persino i tradizionalisti lo discussero e la prova è nel recente libro di Silvano Panunzio René Guénon e la crisi del mondo moderno, dove si trovano, tra l’altro, le sue lettere a Vintilia Horia.

L’argomento, inoltre, fa parte delle considerazioni sull’esistenza.

Scrive Cechov nei Quaderni: «Qualsiasi idiota può superare una crisi; è la vita quotidiana che ti logora».

 

*

 

René Guénon La crisi del mondo moderno Luni Editrice

Il libro →

 

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

Articoli correlati

L’Erodoto della Cina, Le memorie di Sima Qian

L’Erodoto della Cina, Le memorie di Sima Qian

  di Matteo Sacchi Articolo tratto da: Il Giornale - maggio 2024   *   La storiografia occidentale ha un grande padre: Erodoto (484 - 425 a.C.). E un grande maestro metodologico: Tucidide (460 - 390 a.C.). Nel caso della storiografia della Cina antica,...

I 9 Samurai più famosi di sempre

I 9 Samurai più famosi di sempre

  i presentiamo alcuni dei più famosi Samurai, la casta dei mitici guerrieri che hanno contribuito a rendere grande la storia del Giappone medievale. Ne abbiamo scelti 9 tra i tantissimi a esemplificare l’intera “casta” dei...

Le 9 Arti Marziali Cinesi più famose e praticate del Kung Fu

Le 9 Arti Marziali Cinesi più famose e praticate del Kung Fu

  *   “Ogni popolo, in qualsiasi epoca della sua storia, ha concepito i mezzi per continuare a esistere anche nell’ambiente più ostile. Il riflesso di sopravvivenza è una caratteristica permanente della razza umana, che, finora, l’ha condotta dove oggi si...

0 Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti avrai prima di tutti le ultimissime informazioni sulle nostre uscite e tanto altro (:

Ora riceverai la nostra newsletter! Controlla nelle email la conferma (:

Pin It on Pinterest

Share This