Icosameron. Il mondo fantastico di Giacomo Casanova
26 Apr, 2022

Condividi ↓

 

Icosameron

 

*

 

 

Articolo tratto da il Sole 24Ore (pdf)

Piero Boitani

 

*

 

Grandi utopie

Tradotto per la prima volta integralmente dal francese l’«Icosameron», il romanzo dell’avventuriero veneziano che racconta il viaggio sotterraneo in un Eden governato da una logica strabiliante

 

*

 

Icosameron: cioè, “venti giornate”. Giacomo Casanova – l’avventuriero, il seduttore, il libertino, il perpetuo fuggiasco, la spia – tenta la sfida estrema.

Se uno dei padri della letteratura italiana, Giovanni Boccaccio, aveva composto una raccolta di novelle in “sole” dieci giornate, il Decameron; se Margherita di Navarra e Masuccio Salernitano non avevano osato andare oltre le sette e le cinque con l’Heptameron e il Pentameron, Casanova giungeva a venti.

 

Giacomo-Casanova

 

E non raccoglieva novelle, ma scriveva, sotto mentite spoglie e in francese, un romanzo vero e proprio: in francese, come la Storia della mia vita, perché quella lingua aveva maggior diffusione, ma facendo finta di tradurla dall’inglese. Per di più, non un romanzo borghese come quelli in voga all’epoca sua nella progredita Inghilterra, ma una narrativa utopica, fantastica, filosofica, e soprattutto «totale». «

Gloria Dei est celare verbum», metteva in epigrafe dai Proverbi di “Salomone”, «et gloria regis investigare sermonem»: Gloria di Dio celare la parola, e gloria mia frugar cosa vuol dire», traduceva senza falsa modestia.

Doveva narrare la storia di Edward ed Elizabeth, i due giovani inglesi al centro del libro. Ma iniziò con la riScrittura e l’interpretazione della Genesi, e narrando l’antefatto delle vicende dei due ragazzi.

 

*

 

Dopo una lettera al Conte di Waldenstein e un breve discorso al lettore, le prime parole dell’Icosameron sono bibliche: «In principio Dio creò il cielo e la terra»: «Creò significa che Dio diede al nostro universo una forma che non aveva, o si può dire che prima non aveva forma…Tohu bohu in ebraico, Caos dicono gli antichi poeti».

Per più di quaranta pagine Casanova si dedica al «Commento letterale ai primi tre capitoli del Genesi», giungendo quindi sino alla cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso Terrestre.

Vuole dare, è evidente, sfondo cosmico solenne alla storia che narra; ma, anche, l’interpretazione delle vicende bibliche (piuttosto ben informata, peraltro, con citazione dei precedenti più illustri nel campo patristico) serve a giustificare i dati fondamentali dell’invenzione fantastica. Perché il mondo nel quale Edward ed Elizabeth vengono scaraventati, al centro della Terra, è in realtà il Paradiso Terrestre, e Casanova vuole dimostrare che non c’è nulla nella Genesi che impedisca di collocare laggiù quel luogo.

 

*

 

Il tono dell’esegesi è scanzonato e ironico, ma colpisce dove l’autore vuole: «Non ci si chiede come, ma dove Dio buttò fuori Adamo. Mosè [la Bibbia] non lo dice. Magari sbarcò in America.

Conosco teologi che obietterebbero candidamente: quella no, non era ancora scoperta…Dico quello che penso: se il Paradiso Terrestre è esistito, se esiste ancora, se solo la Bibbia può darcene indicazioni, la dislocazione non potrebbe essere che nell’interno della terra».

 

*

 

L’enorme estensione del «Commento letterale» intriga e affascina il lettore a tal punto che corre il rischio di mancare, nell’«Introduzione», l’inizio della finzione in mediis rebus: «Verso la sponda del Canale di San Giorgio dalla parte di Monmouth, nella bella casa del conte di Bridgend, un tardo pomeriggio verso sera sedeva davanti al fuoco una coppia di vegliardi: James Alfred e sua moglie Wilhelmina.

Correva il 15 febbraio (vecchio stile) del 1615. Entrarono inattesi nella stanza un uomo e una donna, giovani e belli, si fermarono un momento a fissare i due vecchi, ed esclamarono: “Ma sì, sono proprio loro!”».

 

*

 

I due giovani sono Edward ed Elizabeth, i due vecchi i loro genitori. Per convincerli di essere proprio i loro figli, Edward comincia a raccontare la loro vita da quando, ottantuno anni prima, sarebbero «affogati nel naufragio del Wolsey inghiottito dal Maelstrand al largo della Norvegia».

Ma come hanno fatto a restare giovani in ottantuno anni? E dove sono finiti dopo il “naufragio”? Come hanno fatto a “risorgerne” dopo tutto quel tempo?

 

*

 

Le domande si affollano sulle labbra dei vecchi e di tutti coloro che subito riempiono la loro casa per ascoltare la straordinaria storia. Edward racconta per tre ore in ciascuna delle venti giornate, e le giornate corrispondono ai capitoli dell’Icosameron:

alla fine dell’Introduzione, Casanova annunzia, proletticamente, che i due giovani invecchiarono rapidamente e presto morirono, trascrivendo la loro lapide sepolcrale;

poi, prima della terza giornata, inserisce un’introduzione supplementare in forma di «Lettera a chi legge»: che è una disquisizione in guisa di chiacchiera sul «seme della scienza», la meraviglia, il valore della tradizione, le epigrafi.

 

*

 

La vicenda di Edward ed Elizabeth, in estrema sintesi, li vede, nel famoso “naufragio”, affondare sino al mondo sotterraneo dei «megamicri» (“grandi-piccoli”), nel corso del tempo trasformarsi da fratelli in sposi (Casanova celebrava l’incesto come la più alta forma dell’eros) e generare prole infinita, sino a quando, compiute innumerevoli esperienze, non riemergono in superficie e si recano a Venezia, per poi raggiungere l’Inghilterra.

 

*

 

Il romanzo procede in realtà attraverso progressive amplificazioni, digressioni, dibattiti di autorità, dilazioni, precisazioni dotte, trovate fantastiche presentate come conclusioni perfettamente razionali. Profezie e oracoli, conversazioni filosofiche e teologiche, guerre dei giganti, prigionieri liberati, viaggi, matrimoni, donazioni, fisica e ingegneria: dentro l’Icosameron c’è di tutto, governato da una logica che stupisce ripetutamente, quasi fosse in cinque romanzi di Jules Verne messi assieme.

 

 

 

Lo si può leggere giornata per giornata, lasciandosi irretire dalla sequenza dei particolari sorprendenti e abbandonandosi alla ricerca della loro cogenza (come nella decima, dove alla propagazione dei serpenti seguono i seminari dei giganti, l’eccesso di contante è imbrigliato dalla vigilanza, Edward diventa oculista e accetta la signoria di un feudo).

 

*

 

Oppure lo si può aprire a caso, muovendosi poi in avanti e indietro senza, a tutta prima, capirne le ragioni e la direzione.

Per esempio, quando, a pagina 340, si legge che «la religione megamicra vieta di privare della vita qualunque essere, e ha la superstizione di non cavar sangue da alcun corpo», l’indagine deve muoversi a raggiera, percorrendo il racconto a cerchi concentrici, o a spirale. L’utopia narrativa che Casanova costruisce per mezzo di tali strumenti è davvero strabiliante e l’Icosameron raggiunge d’un balzo le altre produzioni eccellenti del Secolo dei Lumi: tra le più celebri, il Robinson Crusoe di Defoe, I viaggi di Gulliver di Swift (i megamicri hanno alcune caratteristiche in comune con gli houyhnhnm swiftiani), il Candide di Voltaire.

 

*

 

Si tratta, naturalmente, di fantascienza. Ma rivolgendosi al Conte di Wallenstein Casanova scriveva: «chi può dire se in questo libro scrivo il vero o il falso? Si pensa d’inventare e invece è tutto vero; oppure si gabellano frottole che si credevano verità sacrosante …

E voi, signor Conte, accettate il racconto a cuor leggero, salvo che vi abbia l’aria di un maledetto imbroglio: qualunque cosa contenga di buono, non pretende a verità accertata. Vedetelo come la Vita di Robinson Crusoe, quel libro inglese che non documenta i fatti, ma si legge con tanto maggior piacere come romanzo».

 

*

 

«Icosameron» vide la luce a Praga nel 1788 Per la prima volta è tradotto integralmente in italiano “Icosameron” di Giacomo Casanova, romanzo che il libertino pubblicò a Praga in 5 volumi a proprie spese nel 1788, dopo aver incontrato Mozart alla prima del “Don Giovanni”.

Tradotto da Serafino Balduzzi per l’editrice Luni, nella nostra lingua circolavano soltanto versioni parziali, tra cui quella del 1960, uscita da Lerici con il titolo “Edoardo ed Elisabetta”; comunque un’edizione integrale francese in 5 volumi fu stampata a Spoleto da Claudio Argentieri nel 1926.

Il titolo dell’opera per esteso è: “Icosameron, ovvero Storia di Edoardo e di Elisabetta che passarono ottantun anni presso i Megamicri abitanti indigeni del Protocosmo nell’interno del nostro globo”

 

 

Icosameron. Giacomo Casanova

Il libro: → Icosameron ovvero storia di Edward ed Elizabeth

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento (:

Scopri qui la collana: Casanoviana

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

Condividi ↓

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

    Ritorna l'opuscolo di Giovanni Papini, del 1953, dal titolo Le disgrazie del libro in Italia (Luni Editrice, pagg. 32, C 8; prefazione di Roberto Palazzi). Pagine fulminanti, in cui ricorda che quando un «italiano desidera leggere un libro», ricorre a...

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

Ripubblicato “Ah, la vecchia Bur!”   *   Articolo tratto da: Succedeoggi luglio 2022  (qui il link)  di Alberto Cadioli   *   L’edizione accresciuta del dialogo tra il direttore (dal 1973 al 2002) della celebre collana economica di Rizzoli e Marco...

Le note di Mussolini

Le note di Mussolini

Corrispondenza Repubblicana   *   di Giuseppe Brienza Articolo tratto da: Il Borghese/Cultura ottobre 2021 (qui il PDF)   *   ppena rientrato dalla Germania, alla fine di settembre 1943, avuto da Hitler l'incarico di costituire...

Gli scrittori si mettono a tavola

Gli scrittori si mettono a tavola

Dall'Artusi a Gadda, un saggio ripercorre il rapporto tra letteratura e cibo in Italia   *   di Giuseppe Polimeni Articolo tratto da: Repubblica luglio 2022 (qui il PDF)   *      urro, quantum sufficit, non più, ve ne...

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

  In un’antologia poetica del “trobar clus” in lingua occitana lo studioso Zambon individua una linea che arriva al Dante della Commedia e parte dal testo biblico   *   Articolo tratto da: Avvenire giugno 2022  (qui il link)  di Carlo Ossola   *...

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

  Voltaire e Casanova   *     Articolo tratto da il Sole 24Ore Armando Torno   *     el 1760 Giacomo Casanova, aiutato dal denaro della marchesa d'Urfé (cultrice di magia e discepola dell'alchimista Benoit de...