La fuga dai Piombi di Giacomo Casanova – 31 ottobre 1756

Nell’incredibile biografia di Giacomo Casanova, il 31 ottobre 1756 segna un punto di svolta epico, un capitolo leggendario inciso nelle pagine della sua vita. In questa data, nel cuore della notte, l’avventuriero, scrittore e abile donnaiolo orchestrò un’incredibile fuga dal tetto delle temibili prigioni veneziane di Palazzo Ducale, conosciute come i Piombi.

 

*

 

Tra i molteplici volti di Giacomo Casanova – scrittore, poeta, diplomatico, agente segreto – il celebre libertino fu anche incarcerato più volte.

La sua condanna più celebre avvenne nella sua città natale, Venezia, dove fu rinchiuso nei Piombi, un’antica prigione situata nel sottotetto del Palazzo Ducale (il nome deriva dal materiale col quale era costruito il loro tetto). Condannato a 5 anni per “PUBBLICI OLTRAGGI CONTRO LA SACRA RELIGIONE” dal Consiglio dei Dieci, Casanova iniziò a pianificare un’audace fuga in isolamento, affilando un pezzo di metallo rubato per grattare faticosamente le assi del pavimento e raggiungere la libertà.

Tuttavia, proprio mentre stava per eseguire la fuga, fu trasferito in un’altra cella, dove, dopo un momento di sconforto, ricominciò con l’aiuto di un cospiratore e compagno di prigionia, padre Balbi.

 

i-piombi

 

*

 

Gli strumenti della fuga? Astuzia, corde e uno spuntone. Per recapitare lo spuntone al suo complice, Casanova pensò di nasconderlo nel dorso della Bibbia, coprendolo con un piatto di maccheroni.

Casanova aveva calcolato il percorso della luna, che doveva tramontare prima delle sei, e il sorgere del sole previsto per l’una e mezza, lasciando sei ore di perfetta oscurità durante le quali avrebbe potuto agire. Un passo falso sulle lastre di piombo del tetto avrebbe significato una caduta nel canale e la morte certa.

 

*

 

La prima cosa che vide uscendo dalla reclusione riuscendo a superare gli ostacoli, Casanova, a cavalcioni insieme al monaco sul tetto dei Piombi, fu il chiarore della luna. Come in un romanzo d’avventura, aprì le finestre e calò le corde dei letti verso la libertà. Così, nella notte del 31 ottobre, Casanova fuggì da Venezia, dove solo moltissimi anni dopo poté rientrare.

Casanova fuggì a Parigi.

 

 

Storia della mia vita. Giacomo Casanova - Da Parigi ai Piombi

→ Storia della mia vita. Da Parigi ai Piombi. Edizione integrale, volume III

 

*

 

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento (:

Scopri qui la collana: Casanoviana

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


La fuga dai Piombi – La fuga dai Piombi

Articoli correlati

Mezza età di Casanova il seduttore riluttante

Mezza età di Casanova il seduttore riluttante

Nelle memorie dei quarant'anni, il veneziano è brillante come un Arbasino del Settecento     *   di Piersandro Pallavicini  Articolo tratto da: Il Giornale - febbraio 2024   *   Ho cercato inutilmente nel «Sinonimi e Contrari» Zanichelli il...

I 9 Samurai più famosi di sempre

I 9 Samurai più famosi di sempre

  i presentiamo alcuni dei più famosi Samurai, la casta dei mitici guerrieri che hanno contribuito a rendere grande la storia del Giappone medievale. Ne abbiamo scelti 9 tra i tantissimi a esemplificare l’intera “casta” dei...

Le 9 Arti Marziali Cinesi più famose e praticate del Kung Fu

Le 9 Arti Marziali Cinesi più famose e praticate del Kung Fu

  *   “Ogni popolo, in qualsiasi epoca della sua storia, ha concepito i mezzi per continuare a esistere anche nell’ambiente più ostile. Il riflesso di sopravvivenza è una caratteristica permanente della razza umana, che, finora, l’ha condotta dove oggi si...

0 Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti avrai prima di tutti le ultimissime informazioni sulle nostre uscite e tanto altro (:

Ora riceverai la nostra newsletter! Controlla nelle email la conferma (:

Pin It on Pinterest

Share This