Medioevo fantastico. Il fiore inverso
30 Mar, 2022

Condividi ↓

 

alcova-particolare-opera-Memmo-di-Filippuccio

 

Tra sante visioni e grasse risate

 

Articolo tratto da: Sole 24 Ore marzo 2022  (qui il link)

 di Franco Cardini

 

*

 

Medioevo fantastico

 

«C  he sollievo, che sollievo! Siamo fuor dal Medioevo!».

 

*

 

Quando i ragazzini del ginnasio diventavano abbastanza grandi da capire certe battute di spirito di una qualche sottigliezza, per farli ridere si usava raccontar loro la “favola ucronica” del 1492:

l’anno nel quale era caduta Granada, ultima roccaforte dei mori in Europa, oltre a esser morto a Firenze il Magnifico Lorenzo sigillando con la sua scomparsa la fine di un’era e mentre l’ammiraglio Colombo sbarcava nel Nuovo Mondo inaugurando anche l’età moderna.

 

*

 

Ma era poi davvero finito, il Medioevo?

I philosophes del Settecento sostenevano di no, che c’era un buio e lungo Medioevo che allungava la sua ombra lugubre anche nei recessi delle violenze e nelle superstizioni moderne; e ai nostri tempi un grande medievista come Jacques Le Goff era d’accordo.

Eppure, quei lontani “secoli bui” erano e sono restati fonte inesauribile d’ispirazione estetica e perfino scientifica; e anche di svago, nelle innumerevoli parodie fino a Monty Python e all’Armata Brancaleone.

 

*

 

D’altronde, è ormai abbastanza noto che a differenza, ad esempio, dell’età vittoriana l’età medievale in genere non era poi né granché austera, né granché castigata.

Del resto, ai bei tempi del liceo, siamo andati tutti a caccia di novelle scollacciate nel Decameron. Del resto, c’era ben altro. Massimo Bonafin, austero filologo dell’Atene genovese, non solo è tornato sul problema del ridere medievale che tanto piaceva a Umberto Eco,

ma ha scandagliato non solo il genere comico e la parodistica bensì anche l’epica e perfino i viaggi nell’Aldilà per scoprire pagine esilaranti nelle quali il divertente e l’osceno s’intrecciano di continuo in un inaspettato caleidoscopio:

del resto, già l’onnipresente Alessandro Barbero ci ha sorpreso mesi fa con un libretto nel quale s’indaga sul membro maschile medievale con infinite variabili.

 

*

 

Ci aspetteremmo un ritorno al Medioevo “alto” e “profondo”, quello dei mistici o della vita acavalleresca che profumava di sangue e di rose, se ci rifugiassimo nella poesia trobadorica.

Ma qui un finissimo indagatore dei sensi occulti e misteriosi delle cose, Francesco Zambon (sua una nota ricerca sul Graal) c’invita a rileggere nel suo il fiore inverso i poeti del trobar clus, del gai saber: e qui ci troviamo immersi in un gorgo mistico di allusioni, di doppi sensi, di dotte polemiche le quali sfociano sull’eretico e sull’erotico.

 

*

 

Ci siamo appena rimessi dalla sorpresa che Massimo Miglio, nientemeno che presidente dell’Istituto Storico italiano per il Medioevo, scende dall’Olimpo dell’Accademia dei Lincei nel quale abitualmente soggiorna e ci presenta Il fumetto nel Medioevo.

Attenzione, non un «Medioevo a fumetti», roba di cui è piena la nostra età moderna:

ma proprio i «fumetti», le parole sospese per aria e cinte o meno da nuvoletta che costituiscono un noto espediente per far parlare le immagini disegnate o dipinte.

E noi scopriamo lunghe, spesso elaborate teorie d’immagini medievali dipinte, affrescate, scolpite, dalle bocche delle quali escono parole e frasi da far invidia a Tex Willer.

 

*

 

La casistica è immensa e, sovente, più seria e profonda di quanto c’immagineremmo.

Alla fine del libro, un denso saggio di Tommaso di Carpegna Falconieri (cognomi feudali di autentica gran razza marchigiana…) dal titolo E Medioevo nel fumetto mette ordine a un materiale che ha davvero, a tratti, dello sbalorditivo. E apprendiamo fra l’altro che uno studioso di qualità come il compianto Renato Bordone compose un fumetto, Martino di Loreto, nel quale la problematica erudita si traduce di continuo nel gioco dell’affabulazione.

Che sollievo, che sollievo! Siam tornati al Medioevo!

 

 

Il Fiore inverso Francesco Zambon

Il libro: → Il fiore inverso. I poeti del trobar clus

 

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

Condividi ↓

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

    Ritorna l'opuscolo di Giovanni Papini, del 1953, dal titolo Le disgrazie del libro in Italia (Luni Editrice, pagg. 32, C 8; prefazione di Roberto Palazzi). Pagine fulminanti, in cui ricorda che quando un «italiano desidera leggere un libro», ricorre a...

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

Ripubblicato “Ah, la vecchia Bur!”   *   Articolo tratto da: Succedeoggi luglio 2022  (qui il link)  di Alberto Cadioli   *   L’edizione accresciuta del dialogo tra il direttore (dal 1973 al 2002) della celebre collana economica di Rizzoli e Marco...

Le note di Mussolini

Le note di Mussolini

Corrispondenza Repubblicana   *   di Giuseppe Brienza Articolo tratto da: Il Borghese/Cultura ottobre 2021 (qui il PDF)   *   ppena rientrato dalla Germania, alla fine di settembre 1943, avuto da Hitler l'incarico di costituire...

Gli scrittori si mettono a tavola

Gli scrittori si mettono a tavola

Dall'Artusi a Gadda, un saggio ripercorre il rapporto tra letteratura e cibo in Italia   *   di Giuseppe Polimeni Articolo tratto da: Repubblica luglio 2022 (qui il PDF)   *      urro, quantum sufficit, non più, ve ne...

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

  In un’antologia poetica del “trobar clus” in lingua occitana lo studioso Zambon individua una linea che arriva al Dante della Commedia e parte dal testo biblico   *   Articolo tratto da: Avvenire giugno 2022  (qui il link)  di Carlo Ossola   *...

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

  Voltaire e Casanova   *     Articolo tratto da il Sole 24Ore Armando Torno   *     el 1760 Giacomo Casanova, aiutato dal denaro della marchesa d'Urfé (cultrice di magia e discepola dell'alchimista Benoit de...