In offerta!

Guadagnarsi il pane

22,80

LUCA CLERICI

pp. 400

ISBN: 978887984761-2

Guadagnarsi il pane.  Scrittori italiani e civiltà della tavola

Guadagnarsi il pane si può leggere in molti modi. Lasciandoci conquistare dalle storie di tanti personaggi dimenticati (soprattutto donne straordinarie) e da vicende incredibili (Paolo Mantegazza inventore della Coca Cola nell’Ottocento). Ma anche da avventure imprenditoriali come quella del formaggio del Bel Paese, che prende il nome dal best-seller dell’abate Antonio Stoppani (ritratto sull’etichetta), oppure dai ricordi di chi ha fondato nel 1926 il primo premio letterario italiano in una trattoria frequentata da artisti, giornalisti e scrittori, il Premio Bagutta.

Perché di scrittori nel libro se ne incontrano tanti, e non solo celebri (Casanova, Verga, Montale), ma sempre raccontati da un punto di vista che li rende diversi: Gadda si siede a tavola appena può – meglio se ospitato –, Pirandello dà il nome a una bistecca cucinata per lui a Parigi. Con loro salgono alla ribalta i giornalisti, a partire da Paolo Monelli, che con – Il ghiottone errante – inaugura il reportage enogastronomico, qui studiato insieme alla contemporanea prosa d’arte e alla storia della letteratura di viaggio.

Per tutti il rapporto con il mangiare e il bere è anche una faccenda economica – alla “Riviera Ligure” Pascoli chiede “l’elemosina”, Ungaretti scrive ricette di cucina per arrotondare –, e il denaro si guadagna grazie alle collaborazioni pubblicitarie con l’industria alimentare (ma D’Annunzio lavora molto anche con piccoli produttori locali) e con l’editoria libraria e periodica del settore, a cominciare dalla leggendaria “Cucina Italiana” che sin dal 1929 ospita ricette firmate dal fior fiore dei letterati. E poi ci sono i professionisti, autori di manuali e ricettari passati in rassegna nel libro, costellato di scoperte bibliografiche, testi curiosi e persino osé – la cucina afrodisiaca ha lo spazio che merita.

In un’originale sintesi interdisciplinare Clerici racconta così il ruolo della civiltà della tavola nell’evoluzione della letteratura italiana dal Settecento a oggi, da quando cuochi di corte ormai disoccupati aprono caffè, trattorie e ristoranti creando nuovi spazi di socialità borghese.

Scrittori e artisti di estrazione diversa si danno appuntamento qui, dove nascono idee destinate a influenzare con opere nuove il sistema dei generi non solo letterari, interpretati in rapporto alla storia del costume, della mentalità e dell’immaginario collettivo, senza dimenticare mai le condizioni alimentari del paese reale.

Luca Clerici insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università degli Studi di Milano e si occupa di generi, autori e opere sia istituzionali sia popolari e di massa degli ultimi tre secoli. Tra i suoi libri: Il romanzo italiano del Settecento. Il caso Chiari (Marsilio 1997, Premio Amantea); Il viaggiatore meravigliato. Italiani in Italia (1714-1996) (il Saggiatore 1999, Premio Chiavari); Apparizione e visione. Vita e opere di Anna Maria Ortese (Mondadori 2002, Premio Elsa Morante e Premio Brancati); Scrittori italiani di viaggio 1700-1861 (Mondadori 2008, Premio Città di Gaeta); Scrittori italiani di viaggio 1861-2000 (Mondadori 2013); Libri per tutti. L’Italia della divulgazione dall’Unità al nuovo secolo (Laterza, 2018); Mangiarsi le parole. 101 ricette d’autore (Skira, 2018).

 

• Leggi l’autointervista dell’autore – Luca Clerici: Basta libri di cucina!

Basta libri di cucina!

 

Scopri tutta la collana!

Se spendi 29,90 

la spedizione è gratuita!

Recensioni

    Recensisci per primo “Guadagnarsi il pane”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Scopri tutta la collana!