In offerta!

La Seconda guerra mondiale nel Mezzogiorno

23,75

Giovanni Cerchia

pp. 528

ISBN: 9788879846578

COD: 4019 Categoria: Tag:

La Seconda guerra mondiale nel Mezzogiorno

La Seconda guerra mondiale nel Mezzogiorno. Il Sud non votò per la monarchia perché liberato rapidamente dalle avanzanti Nazioni Unite; sceglieva il re sabaudo per le stesse ragioni, profonde, con le quali ha sempre rifiutato accelerazioni modernizzatrici che sembrava potessero mettere in crisi punti di riferimento rassicuranti e certezze antiche.
Anzi, votò per la monarchia assai meno di quello che ci si poteva aspettare, considerando la sua storia di lunga lena, la trama che univa le gerarchie sociali alle scelte politico-istituzionali, un tessuto economico abbandonato a se stesso dal fascismo e pesantemente sconvolto sia dalle incursioni dei liberatori sia dalle distruzioni degli ex-alleati in ritirata.
Un quadro mortificante che sembrò cercare nella figura del re un ancoraggio, una ricerca di riviviscenza della presunta epoca felice pre-bellica, un esorcismo collettivo dei drammi che si era stati costretti a sperimentare.
Fu addirittura un laboratorio anticipatore di fenomeni che segnavano l’intera storia del Paese: le stragi, le deportazioni, le resistenze, la ricostruzione democratica. Tutto tranne che il regno della passività e dell’attesa. La sua stessa Resistenza fu a dir poco originale, ma non assente: con il prevalere dell’impegno dei soldati e di una caratterizzazione patriottica che comunque rappresenta una delle componenti fondamentali del movimento di liberazione nazionale.
E questo senza escludere il contributo, in armi e senz’armi, degli antifascisti, delle donne e degli uomini che si schieravano a difesa dei beni essenziali e della vita dei familiari o di chiunque altro fosse in pericolo di vita. Se la Resistenza fu, in primo luogo, l’esercizio di una scelta di libertà, atto di responsabilità individuale e collettivo che si pone alla base della nuova storia democratica, non ci furono attori nel nord e spettatori nel sud.
Vi furono italiane e italiani che, anche ponendosi in campi contrapposti, si schieravano, sceglievano, si riappropriavano di un destino comune.
Luciano Albanese per Modulazione Temporali: 18-3-2020
Scopri tutti i titoli di Storia contemporanea!

Se spendi 29,90 

la spedizione è gratuita!

Recensioni

    Recensisci per primo “La Seconda guerra mondiale nel Mezzogiorno”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Scopri tutta la collana!