In offerta!

Charles Coypeau Dassoucy – Le avventure burlesche del signor Dassoucy

Il prezzo originale era: €24,00.Il prezzo attuale è: €22,80.

Charles Coypeau Dassoucy
Traduzione e note dal francese: Barbara Piqué
Traduzione dei versi: Alessio Colarizi Graziani
pp. 320
ISBN: 9788879848459
COD: 22004 Categorie: , GTIN: 9788879848459

Esaurito

Le avventure burlesche del signor Dassoucy

Le avventure burlesche del Signor Dassoucy, che vengono proposte per la prima volta in lingua italiana, considerato da Giovanni Macchia “il più avventuroso romanzo del Seicento”, costituiscono un momento altamente significativo della narrativa burlesca francese del periodo.

Musicista e poeta, amico di Molière, libertino fu condannato dall’Inquisizione a Roma “per blasfemie e proposizioni ereticali” e perseguitato dai tribunali francesi per la sua omosessualità, Charles Coypeau Dassoucy è forse tra gli eredi più scapestrati di Rabelais.

 

*

 

Più volte imprigionato e creduto morto, l’autore traspone nella sua “autofinzione burlesca” alcune delle tribolazioni che quasi gli costarono la vita, lo rovinarono e distrussero la sua reputazione.

Attraverso il “racconto meraviglioso” delle sue disgrazie, Dassoucy lavora per ricomporre la sua memoria, attuando, al di là dell’apparente arbitrarietà del racconto, un doppio schema di trionfo e di riappropriazione dell’autostima associata a una profonda consapevolezza delle proprie “sorgenti intime” che permettono, all’eroe-narratore, di resistere a queste prove mortali: per questo motivo le Avventure burlesche possono essere definite in senso letterale come una storia di sopravvivenza basata sullo schema narrativo del trionfo che ripara la disgrazia.

 

*

 

Il romanzo della sua vita offre, accanto a scorci d’ambiente della Corte di Francia e d’Italia, uno spaccato di vita popolare – prezioso anche perché piuttosto raro – dove protagonisti sono i musici, i comici, i vagabondi, i folli, i bari e i lestofanti, visti attraverso la lente di un linguaggio che alla vena iperbolica di Rabelais unisce la più sottile e controllata ironia polemica del “Grand Siècle”.

 

*

 

Charles Coypeau Dassoucy (Parigi 1605 – 1677), fu poeta, memorialista e fin da giovanissimo un virtuoso di liuto; compose musiche di scena per drammi di Corneille e Molière – di cui fu amico entrando a far parte della sua compagnia teatrale –, musiche di balletto e arie a quattro voci e di liuto e grazie a recenti acquisizioni di biblioteca, è stato pubblicato un CD intitolato Airs à Quatre Parties du Sieur Dassoucy, diretto dal maestro Marco Horvat.

Fu amico di alcuni tra i più grandi libertini di Parigi come la Chapelle, Paul Scarron e Cyrano de Bergerac, di cui fu amante. Divenne musico al servizio di Luigi XIII e in seguito girò per la Francia e l’Italia per quindici anni. Fu incarcerato più volte nel corso della sua vita per corruzione, debiti di gioco o commenti oltraggiosi. Condannato nel 1673 per la sua condotta privata ritenuta immorale e graziato da Luigi XIV che lo ricordava come suo maestro di musica a corte quando era bambino, ebbe una pensione regia che gli consentì di vivere fino all’anno della sua morte, nel 1677. Ci ha lasciato due libri di memorie, fra cui Les Aventures d’Italie de Monsieur Dassoucy e Les Aventures de M. Dassoucy, entrambi tradotti nel presente volume.

 

*

 

 

Scopri la collana Caffè letterario

Esaurito

Spedizione gratuita da 29,90

Recensioni

    Recensisci per primo “Charles Coypeau Dassoucy – Le avventure burlesche del signor Dassoucy”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Vai al Catalogo

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Iscrivendoti avrai prima di tutti le ultimissime informazioni sulle nostre uscite e tanto altro (:

    Ora riceverai la nostra newsletter! Controlla nelle email la conferma (:

    Pin It on Pinterest