In offerta!

Kenji Tokitsu – Musashi e le arti marziali giapponesi

Il prezzo originale era: €16,00.Il prezzo attuale è: €15,20.

Kenji Tokitsu

Traduzione: Giovanni Caviglione

pp. 116

ISBN: 9788879842761

COD: 10021 Categoria: Tag: , , GTIN: 9788879842761

Musashi e le arti marziali giapponesi

Miyamoto Musashi e le arti marziali giapponesi costituisce la seconda parte dell’analisi che il M.K.Tokitsu ha dedicato al più famoso maestro di spada del Giappone dopo la Vita di Musashi pubblicata da Luni.

 

*

 

Cominciare dalla vita di Miyamoto Musashi era indispensabile, perchè è “nell’azione” (e per Musashi questo è vero più che per qualunque altro maestro di arti marziali) che può essere vista l’essenza del suo magistero;
senza questa analisi preliminare, il testo leggendario ed esoterico attraverso il quale egli la vuole tramandare alla sua Scuola (il Libro dei Cinque Elementi, Gorin-no-sho pubblicato anch’esso da Luni), rimane una sfinge.

 

*

 

Qui, invece, oltre a rintracciare e documentare la trasmissione dell’arte di Musashi attraverso le Scuole che ha fondato nelle varie fasi della sua evoluzione di guerriero, e di cui rimangono delle propaggini ancora ai nostri giorni,
Tokitsu studia e cerca di decrittare l’insegnamento di Musashi dalle sue azioni e dai testi, istituendo intrecci con la pratica e le ricerca degli adepti contemporanei.

 

*

 

Con la svolta Meiji del 1868 il contesto sociale e spirituale della Via del guerriero scompare e alla ricerca basata sul confronto reale, sulla lotta per la vita o per la morte con un avversario, si sostituisce quella incruenta e di autoperfezionamento del budo:
sono proprio i limiti di quest’ultimo, dovuti all’istituzionalizzazione, alla cristallizzazione delle tecniche, alla artificialità della situazione in cui si pratica, che portano Maestri contemporanei come il kendoka Morita Monjuro, a riscoprire con i propri sforzi (e i propri fallimenti) quell’imprescindibile coordinazione di corpo e mente di gesto decisivo, di cui Musashi aveva già scritto in maniera apparentemente oscura cinque secoli prima.
Perno della coordinazione tra corpo e mente è l’energia interna – il Ki.
La ricerca umile e sincera del gesto corretto ed efficace conduce a riscoprire che esso, al di là delle codificazione del budo, si compie soltanto quando, impegnandosi totalmente nel combattimento come fosse l’ultimo della propria vita, svuotata la mente, la naturalità della postura consente alla forza di riempire spontaneamente il tanden o centro vitale dell’uomo.

 

*

 

Formare se stessi attraverso la pratica lanciando la totalità del proprio essere nel combattimento (al di là del dualismo vittoria-sconfitta, e persino vita-morte), e avendo come costante riferimento questa dimensione trascendente:
ecco la perennità dell’insegnamento di quel samurai atipico che Miyamoto Musashi per tutti i sinceri e veri partecipanti di arti marziali.

 

*

 

Musashi (1584-1642), è una figura leggendaria della cultura popolare giapponese; maestro di spada, pittore, scultore, calligrafo, ci ha lasciato un’opera scritta che occupa un posto rilevante nella storia dell’arte giapponese della spada. La strategia e la riflessione sul combattimento che fanno da sfondo alla sua vita le conferiscono una pluralità di dimensioni.

 

*

 

Kenji Tokitsu, nato a Yamaguchi in Giappone nel 1947, all’età di 15 anni inizia la pratica del karate (stile Shito Ryu) per poi passare alla scuola Shotokan.

Conseguita la laurea all’Università Hitotsubashi, nel 1971 si trasferisce a Parigi come assistente del Maestro Taiji Kase. Lo studio delle scienze umane e della sociologia (disciplina nella quale si laurea a Parigi), lo portano dopo molti anni di pratica a muovere le prime critiche alla scuola Shotokan. Ritorna pertanto in Giappone per andare a ritrovare le vere origini del karate del fondatore Gichin Funakoshi.

*

 

I suoi studi teorici e pratici lo portano ad abbandonare definitivamente lo stile Shotokan e a dedicarsi interamente alla ricerca iniziando a praticare Taiji Quan, Qi Gong e inizia così i suoi viaggi in Cina e Taiwan dove studia Xing Yi Quan e Bagua Quan.

Nel 1983 fonda a Parigi la scuola “Shaolin-mon karate do” nella quale comincia a strutturare un metodo di combattimento a mano nuda che si inserisce nel solco della tradizione, sintesi originale delle arti di combattimento giapponesi e cinesi unite per la ricerca di una efficacia che dura per tutta la vita perché crea salute e benessere.
Inizia lo studio dello Iai Jutsu e del Kenjustu.
Nel frattempo la scuola si trasforma in “Shaolin-mon Jisei Budo” e negli anni novanta inizia una stretta collaborazione con il dott. Yayama, immunologo di fama mondiale.
Dal 2002 la sua pratica si rivolge soprattutto alla presentazione di esercizi pensati per conservare un’efficacia che si prolunga durante tutta la vita e che si accompagna a un benessere attraverso una regolazione sapiente dell’energia. Sintesi di tutte le sue ricerche e del suo personale metodo si trovano oggi nella “Tokitsu-ryu”, da lui fondata.

 

*

 

 

Di Kenji Tokitsu la Luni Editrice ha pubblicato:

 

*

 

 

Scopri tutta la collana Le Vie dell’Armonia
Musashi e le arti marziali giapponesi

Spedizione gratuita da 29,90

Recensioni

    Recensisci per primo “Kenji Tokitsu – Musashi e le arti marziali giapponesi”

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Vai al Catalogo

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Iscriviti alla nostra newsletter

    Iscrivendoti avrai prima di tutti le ultimissime informazioni sulle nostre uscite e tanto altro (:

    Ora riceverai la nostra newsletter! Controlla nelle email la conferma (:

    Pin It on Pinterest