Quale democrazia per la Repubblica? Una recensione
5 Gen, 2022

 

repubblica italiana

 

Flavio Felice

Recensione originariamente apparsa su:

«Ricerche di Storia Politica», 3, dicembre 2021, pp. 367-368

 

*

 

I n Quale democrazia per la Repubblica? – Danilo Breschi sviluppa un’attenta analisi storica del pensiero politico, situando al centro dell’indagine la variegata cultura politica italiana repubblicana, così come si è manifestata nell’intervallo di tempo che va dagli anni immediatamente successivi al crollo del fascismo a quelli che precedettero le elezioni che proclamarono la nascita della Repubblica e l’istituzione dell’Assemblea costituente;

si tratta, dunque, di una storia delle culture politiche.

 

Quale democrazia per la Repubblica?

Il libro: → Quale democrazia per la Repubblica? Culture politiche nell’Italia della transizione 1943-1046

 

Articolato in sette capitoli, il libro di Breschi intende dar voce a quel fertile fermento di idee e di ideali che si confrontarono rispetto all’autorità e al diritto, che scandagliarono la nozione di responsabilità di governo, giungendo a formulare inediti modelli di vita democratica e repubblicana.

Un fermento coltivato e represso durante il ventennio fascista:

una sorta di anatomia della cultura politica, indispensabile per comprendere la genealogia del «materiale ideologico» che giunse a definire il tipo di democrazia attraverso la quale dare sostanza alla forma repubblicana del nascente Stato italiano.

 

*

 

Due sono le domande che emergono dal volume:

1. in primo luogo, quante e quali furono le idee e gli ideali che affollavano la pubblica arena, incarnate nelle «famiglie politico-culturali» e «politico-partitiche» in quell’intervallo di tempo che segnò il passaggio dal fascismo alla Repubblica? (1943-1946)

2. La seconda domanda riguarda le ragioni della scelta di un preciso anno d’inizio: il 1943.

 

*

 

Il 1943 segna un’indiscutibile cesura storica, un «radicale punto di svolta» che lo proiettano, anche dal punto di vista simbolico, al vertice della gerarchia delle fonti:

rappresenta l’anno della sconfitta militare, della caduta del fascismo, della dissoluzione dello Stato e della rottura dell’unità nazionale.

La risposta alla prima domanda appare più problematica, motivo di discussione e anche di serrata disputa politologica, oltre che storiografica.

 

*

 

Partiamo dal dato che stiamo riflettendo su una stagione in cui quanto viene «riesumato» ovvero «(ri)elaborato», in termini di culture politiche, potrebbe essere rintracciato nel dibattito costituente e nel dettato costituzionale.

In definitiva, quell’apparente caleidoscopio di culture politiche potrebbe assumere un’immagine ordinata e comprensibile se consideriamo la Costituzione e il dibattito che l’ha preceduta come le proiezioni stesse di quella figura apparentemente confusa.

 

costituzione-italiana

 

Se c’è un tratto ideale e ideologico che accomuna le differenti culture politiche che saranno riversate in sede costituente è, per il nostro Autore, l’antifascismo; un ideale, scrive Breschi, che si nutre del ricordo di un passato ancora recente, oltre che di un presente incombente rappresentato dalla Repubblica sociale di Salò.

Tra le differenti culture politiche protagoniste di quella stagione, specchio di quel caleidoscopio, andrebbe ricordato il cattolicesimo politico. È stato Gianni Baget Bozzo a chiarire i termini problematici della questione, allorché sottolinea come lo schema degasperiano dell’unità dei cattolici, a differenza di quello dossettiano che prevedeva una conversione in termini cristiani delle istituzioni civili, era fondato sulla «reciproca estraneità fra Chiesa e società politica», a tutela della libertà dei fedeli rispetto alla tendenza onnivora dello Stato; un aspetto fondamentale nella teoria politica di matrice sturziana e popolare- liberale.

Vi sarebbe una distanza irriducibile tra i due leader democristiani dovuta ad un deficit di cultura liberale dei democristiani di seconda generazione che non condivisero fino in fondo la cultura politica popolare di Sturzo.

 

*

 

Crediamo che proprio questa vicenda, la sua irrisolvibile complessità, esprima al meglio l’ipotesi che l’autore sostiene in maniera esplicita.

Quell’intervallo di tempo si è dimostrato tanto fecondo quanto decisivo ai fini della formazione di una cultura politica nazionale, con i suoi principi, con i suoi valori e con le sue indelebili contraddizioni.

 

Quale democrazia per la Repubblica?

Il libro: → Quale democrazia per la Repubblica? Culture politiche nell’Italia della transizione 1943-1046

 

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Dante e l’Islam – Umberto Eco

Dante e l’Islam – Umberto Eco

    ormai assodata l'influenza di molte fonti musulmane sull'autore della Divina Commedia. Ma oggi, turbati dalla violenza fondamentalista, tendiamo a dimenticare i rapporti profondi tra la cultura araba e quella occidentale.   *...

Il Taiji Quan di Gu Meisheng. La Via del respiro

Il Taiji Quan di Gu Meisheng. La Via del respiro

  La via del respiro   È stato tradotto in italiano il libro del maestro Gu Meisheng. In esso vengono affrontati gli aspetti più importanti della pratica riferendosi ai concetti del taoismo, del qi, del “soffio vitale” della dinamica dello yin e dello yang,...

Infinito Pinocchio. C’era una volta Pinocchia

Infinito Pinocchio. C’era una volta Pinocchia

Una grande mostra a Milano dedicata al personaggio di Collodi   La traduzione in dialetto meneghino. E un rarissimo racconto francese con una bambola parlante   di Cristina Taglietti Articolo tratto da: Il Corriere della sera. La Lettura: 11 - 10 - 2015...

Spiriti nelle tenebre: La vera storia dei Leoni di Tsavo

Spiriti nelle tenebre: La vera storia dei Leoni di Tsavo

Cosa spinse i leoni dello Tsavo a mangiare le persone?   *   “Gli uomini li chiamavano “Spiriti nelle tenebre”. Erano i padroni della notte e uccidevano in fretta, senza paura e senza ragione. Niente è più forte della paura che provocano i mangiatori di...

Il medico “santo” di Nagasaki

Il medico “santo” di Nagasaki

La testimonianza di Paolo Takashi Nagai   di Lucio Brunelli Articolo tratto da: L'Osservatore Romano 17 - 11 -2019   *     Quando ricevette il battesimo, il 9 giugno 1934, Takashi Nagai dovette decidere il suo nuovo nome cristiano. Scelse di...

Turandot tra Oriente e Occidente

Turandot tra Oriente e Occidente

    Articolo tratto da: ICOO 10 -2020 (qui il PDF)   *   a versione integrale di Turandot, pubblicata a inizio Settecento dall'orientalista francese François Pétis de la Croix, è un bell'esempio di contaminazione culturale:...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *