Quale democrazia per la Repubblica? Una recensione
5 Gen, 2022

Condividi ↓

 

repubblica italiana

 

Flavio Felice

Recensione originariamente apparsa su:

«Ricerche di Storia Politica», 3, dicembre 2021, pp. 367-368

 

*

 

I n Quale democrazia per la Repubblica? – Danilo Breschi sviluppa un’attenta analisi storica del pensiero politico, situando al centro dell’indagine la variegata cultura politica italiana repubblicana, così come si è manifestata nell’intervallo di tempo che va dagli anni immediatamente successivi al crollo del fascismo a quelli che precedettero le elezioni che proclamarono la nascita della Repubblica e l’istituzione dell’Assemblea costituente;

si tratta, dunque, di una storia delle culture politiche.

 

Quale democrazia per la Repubblica?

Il libro: → Quale democrazia per la Repubblica? Culture politiche nell’Italia della transizione 1943-1046

 

Articolato in sette capitoli, il libro di Breschi intende dar voce a quel fertile fermento di idee e di ideali che si confrontarono rispetto all’autorità e al diritto, che scandagliarono la nozione di responsabilità di governo, giungendo a formulare inediti modelli di vita democratica e repubblicana.

Un fermento coltivato e represso durante il ventennio fascista:

una sorta di anatomia della cultura politica, indispensabile per comprendere la genealogia del «materiale ideologico» che giunse a definire il tipo di democrazia attraverso la quale dare sostanza alla forma repubblicana del nascente Stato italiano.

 

*

 

Due sono le domande che emergono dal volume:

1. in primo luogo, quante e quali furono le idee e gli ideali che affollavano la pubblica arena, incarnate nelle «famiglie politico-culturali» e «politico-partitiche» in quell’intervallo di tempo che segnò il passaggio dal fascismo alla Repubblica? (1943-1946)

2. La seconda domanda riguarda le ragioni della scelta di un preciso anno d’inizio: il 1943.

 

*

 

Il 1943 segna un’indiscutibile cesura storica, un «radicale punto di svolta» che lo proiettano, anche dal punto di vista simbolico, al vertice della gerarchia delle fonti:

rappresenta l’anno della sconfitta militare, della caduta del fascismo, della dissoluzione dello Stato e della rottura dell’unità nazionale.

La risposta alla prima domanda appare più problematica, motivo di discussione e anche di serrata disputa politologica, oltre che storiografica.

 

*

 

Partiamo dal dato che stiamo riflettendo su una stagione in cui quanto viene «riesumato» ovvero «(ri)elaborato», in termini di culture politiche, potrebbe essere rintracciato nel dibattito costituente e nel dettato costituzionale.

In definitiva, quell’apparente caleidoscopio di culture politiche potrebbe assumere un’immagine ordinata e comprensibile se consideriamo la Costituzione e il dibattito che l’ha preceduta come le proiezioni stesse di quella figura apparentemente confusa.

 

costituzione-italiana

 

Se c’è un tratto ideale e ideologico che accomuna le differenti culture politiche che saranno riversate in sede costituente è, per il nostro Autore, l’antifascismo; un ideale, scrive Breschi, che si nutre del ricordo di un passato ancora recente, oltre che di un presente incombente rappresentato dalla Repubblica sociale di Salò.

Tra le differenti culture politiche protagoniste di quella stagione, specchio di quel caleidoscopio, andrebbe ricordato il cattolicesimo politico. È stato Gianni Baget Bozzo a chiarire i termini problematici della questione, allorché sottolinea come lo schema degasperiano dell’unità dei cattolici, a differenza di quello dossettiano che prevedeva una conversione in termini cristiani delle istituzioni civili, era fondato sulla «reciproca estraneità fra Chiesa e società politica», a tutela della libertà dei fedeli rispetto alla tendenza onnivora dello Stato; un aspetto fondamentale nella teoria politica di matrice sturziana e popolare- liberale.

Vi sarebbe una distanza irriducibile tra i due leader democristiani dovuta ad un deficit di cultura liberale dei democristiani di seconda generazione che non condivisero fino in fondo la cultura politica popolare di Sturzo.

 

*

 

Crediamo che proprio questa vicenda, la sua irrisolvibile complessità, esprima al meglio l’ipotesi che l’autore sostiene in maniera esplicita.

Quell’intervallo di tempo si è dimostrato tanto fecondo quanto decisivo ai fini della formazione di una cultura politica nazionale, con i suoi principi, con i suoi valori e con le sue indelebili contraddizioni.

 

Quale democrazia per la Repubblica?

Il libro: → Quale democrazia per la Repubblica? Culture politiche nell’Italia della transizione 1943-1046

 

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

Condividi ↓

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

    Ritorna l'opuscolo di Giovanni Papini, del 1953, dal titolo Le disgrazie del libro in Italia (Luni Editrice, pagg. 32, C 8; prefazione di Roberto Palazzi). Pagine fulminanti, in cui ricorda che quando un «italiano desidera leggere un libro», ricorre a...

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

Ripubblicato “Ah, la vecchia Bur!”   *   Articolo tratto da: Succedeoggi luglio 2022  (qui il link)  di Alberto Cadioli   *   L’edizione accresciuta del dialogo tra il direttore (dal 1973 al 2002) della celebre collana economica di Rizzoli e Marco...

Le note di Mussolini

Le note di Mussolini

Corrispondenza Repubblicana   *   di Giuseppe Brienza Articolo tratto da: Il Borghese/Cultura ottobre 2021 (qui il PDF)   *   ppena rientrato dalla Germania, alla fine di settembre 1943, avuto da Hitler l'incarico di costituire...

Gli scrittori si mettono a tavola

Gli scrittori si mettono a tavola

Dall'Artusi a Gadda, un saggio ripercorre il rapporto tra letteratura e cibo in Italia   *   di Giuseppe Polimeni Articolo tratto da: Repubblica luglio 2022 (qui il PDF)   *      urro, quantum sufficit, non più, ve ne...

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

  In un’antologia poetica del “trobar clus” in lingua occitana lo studioso Zambon individua una linea che arriva al Dante della Commedia e parte dal testo biblico   *   Articolo tratto da: Avvenire giugno 2022  (qui il link)  di Carlo Ossola   *...

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca

  Voltaire e Casanova   *     Articolo tratto da il Sole 24Ore Armando Torno   *     el 1760 Giacomo Casanova, aiutato dal denaro della marchesa d'Urfé (cultrice di magia e discepola dell'alchimista Benoit de...