Detective Aoyama, nel Cuore del Giallo Giapponese

 

di Ludovica Vergaro 

Associazione Takamori

Arcipelago Giappone

 

 

*

 

I casi del detective Aoyama, edito da Luni editrice, è un’opera scritta da Suzuki Fukutarō, conosciuto poi con lo pseudonimo Ōsaka Keikichi. Si tratta di un autore del primo Novecento ancora poco conosciuto ma al tempo stesso apprezzato dalla critica grazie al suo talento nel tipico genere del giallo giapponese prebellico.

 

*

 

Ōsaka Keikichi, contemporaneo di Edogawa Ranpo, trae ispirazione dalla scrittura di quest’ultimo, giungendo a considerarlo quasi come un maestro: entrambi questi autori verrano nominati all’interno della celebre rivista Shinseinen che raccoglierà molti nomi di illustri scrittori, favorendo la diffusione del genere giallo. Ōsaka Keikichi si distingue soprattutto per la sua brevità e raffinatezza, accompagnata dalla capacità di narrare vicende misteriose con una leggera nota ironica.

La struttura narrativa solida e il ragionamento deduttivo particolareggiato e scrupoloso rappresentano altre caratteristiche di tale autore:

egli opterà per un limitato uso della suspence, prendendo le distanze dal tipico metodo di Edogawa Ranpo. Anche l’influenza dei torimonochō si può notare nel carattere ibrido dell’opera stessa: con Ōsaka Keikichi ogni episodio risulta autoconclusivo e il protagonista occupa una posizione di centralità rispetto agli altri personaggi.

 

*

 

Successivamente allo scoppio della seconda guerra sino-giapponese, inizia un periodo segnato da una forte censura a livello letterario, dove le opere di puro intrattenimento iniziano ad essere declassate.

Il genere investigativo viene accusato di essere un genere importato dall’Occidente e caratterizzato dalla presenza di scene troppo crude e violente. Ed è proprio all’interno di questo clima che Ōsaka Keikichi decide di sperimentare l’uso del racconto breve, il tanpen shōsetsu, grazie al quale svilupperà il racconto poliziesco logico. Chiaramente ispirato alla scrittura di Edgar Allan Poe e Arthur Conan Doyle, ne I casi del detective Aoyama, troviamo racconti ricchi di rompicapi e misteri, dove la descrizione dei dettagli è quasi maniacale.

 

*

 

Il protagonista è l’arguto e intelligente detective Aoyama Kyōsuke, che affronta casi che avvengono nell’ambito di diversi contesti sociali: dal centro commerciale di una cittadina ad un’antica dimora tradizionale, fino ad arrivare ad una stazione ferroviaria o addirittura, ad un cantiere navale.

Nell’opera si intrecciano due differenti livelli narrativi, quello del reale e quello del non reale: nello svolgimento delle varie vicende, la dimensione magica si incontra con quella quotidiana, dove gli oggetti inanimati svolgono un ruolo fondamentale all’interno dei casi investigativi.

 

*

 

Aoyama analizza ogni minimo dettaglio, come se fosse dotato di una particolare sensibilità che gli permette di giungere in breve tempo alla risoluzione dei casi che gli vengono affidati:

si può addirittura parlare di una sorta di iper-analisi della realtà che lo circonda. Ōsaka Keikichi descrive in mondo dettagliato il metodo quasi scientifico utilizzato da Aoyama e riesce ad offrire al lettore una vera e propria mappa mentale che permette di collegare i diversi aspetti che porteranno alla risoluzione del caso investigativo.

 

 

*

Ōsaka Keikichi - I casi del detective Aoyama

Il libro: I casi del detective Aoyama

 

 

*

 

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


Detective Aoyama – Detective Aoyama

Articoli correlati

Premio Acquistoria 2024

Premio Acquistoria 2024

Il Secolo di Pio XII di Matteo Luigi Napolitano  Premio Acquistoria 2024 - A fine settembre verranno resi noti i vincitori delle quattro sezioni. A ottobre, come di consueto, la cerimonia delle premiazioni   *   Lunedì 1°luglio sono stati annunciati...

I 9 Samurai più famosi di sempre

I 9 Samurai più famosi di sempre

  i presentiamo alcuni dei più famosi Samurai, la casta dei mitici guerrieri che hanno contribuito a rendere grande la storia del Giappone medievale. Ne abbiamo scelti 9 tra i tantissimi a esemplificare l’intera “casta” dei...

I miti dell’Impero giapponese: Kojiki,  La Creazione del Giappone

I miti dell’Impero giapponese: Kojiki, La Creazione del Giappone

(dal testo) LA PRINCIPESSA COCCODRILLO. A questo punto, la figlia del dio del mare, l'augusta principessa Perla-copiosa, venne fuori (dal mare) da sola, e parlò cosi a Fuoco-declinante: Io sono già da tempo incinta, ora è giunto il tempo di dover partorire. Io penso...

0 Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti avrai prima di tutti le ultimissime informazioni sulle nostre uscite e tanto altro (:

Ora riceverai la nostra newsletter! Controlla nelle email la conferma (:

Pin It on Pinterest

Share This