Voltaire ha bisogno di aiuto per cambiare la parrucca
21 Giu, 2022

Condividi ↓

 

voltaire-e-casanova

Voltaire e Casanova

 

*

 

 

Articolo tratto da il Sole 24Ore

Armando Torno

 

*

 

 

N el 1760 Giacomo Casanova, aiutato dal denaro della marchesa d’Urfé (cultrice di magia e discepola dell’alchimista Benoit de Maillet, noto come Taliamed), viaggia in Olanda, Germania, Svizzera. Nel luglio si reca da Voltaire. Il filosofo, 66 anni, si è ritirato a Ferney, sita in territorio francese a pochi passi dal confine elvetico.

 

*

 

Il “patriarche”, insomma, può fuggire in fretta nel caso da Parigi giunga qualche condanna; al tempo stesso evita di risiedere a Ginevra, patria del detestato Rousseau.

La visita del libertino al principe degli illuministi è descritta nella Storia della mia vita, miniera di emozioni che sedusse scrittori come Stendhal o Kafka, finalmente tradotta in edizione integrale da Serafino Balduzzi. Ora sono usciti 115° e il 6° torno dei io previsti dall’editore Luni.

Si basa sull’ultima Pléiade (3 volumi apparsi tra il 2013 e il 2015) e presenta il testo di Casanova per la prima volta senza modifiche.

È trascritto con criteri fedeli: preserva l’impaginazione, la punteggiatura e gli italianisrni presenti nella stesura originale. Il libertino, dinanzi al “patriarche”, esclama: «È il momento più felice della mia vita: finalmente vedo il mio maestro. Sono vostro allievo da vent’anni, signore».

 

*

 

E il filosofo: «Fatemi questo onore per altri vent’anni. Però, alla fine, mi raccomando, decidetevi a sborsare la retta». Al di là delle battute, due spiriti eccezionali si confrontano. Voltaire gli parla subito di Algarotti; anzi ricorda a Casanova, se mai lo incontrasse, che aspetta le «sue lettere dalla Russia» e che può mandargliele «attraverso il banchiere Bianchi di Milano». Nei loro discorsi si moltiplicano i personaggi e, dopo considerazioni sul sonetto, entrano in scena Tasso e Ariosto.

 

Voltaire-_1724-1725_

 

Di quest’ultimo Voltaire conosce intere parti dell’Orlando furioso a memoria Discutono di autori latini, di Newton, del governo di Venezia, di altro.

Casanova accompagna in camera Voltaire «a cambiarsi la parrucca e la berretta antiraffreddore» e nota su un tavolo la Summa di San Tommaso e la Secchia rapita di Tassoni, che per il filosofo è «l’unico poema tragicornico italiano».

L’incontro è cultura allo stato puro: riflesso di un mondo di giganti, non di letterati da operetta.

Usciamo in punta di piedi da Femey, ricordando che la Summa notata da Casanova è quella stampata a Lione nel 1738. La notizia si ricava consultando il rarissimo e ponderoso volume Biblioteca di Voltaire, edito dall’Accademia delle Sdenze dell’Urss nel 1961. Qui si comprendono i suoi percorsi di studio, anche sui testi patristici e scolastici.

E la ragione per cui avrebbe replicato a chi gli chiedeva se leggesse i Padri della Chiesa: «Sì, ma me la pagheranno».

 

 

 

Storia-della-mia-vita-Le-donne-Voltaire-Giacomo-casanova

Il libro:  Storia della mia vita vol. 5. Le donne, Voltaire

 

 

*

 

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento (:

Scopri qui la collana: Casanoviana

 

*

 

Luni Editrice ha in corso la traduzione integrale della Storia della mia vita di Giacomo Casanova

 


 

logo

La casa editrice Luni nasce nel 1992 con lo scopo di diffondere le idee che animano la riflessione italiana rendendo disponibili e accessibili al pubblico italiano molti testi del mondo Orientale spesso introvabili.

 


 

Condividi ↓

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

→ Vai al blog 

Altri articoli che ti potrebbero interessare :

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

Come procurarsi un libro senza pagarlo. Giovanni Papini

    Ritorna l'opuscolo di Giovanni Papini, del 1953, dal titolo Le disgrazie del libro in Italia (Luni Editrice, pagg. 32, C 8; prefazione di Roberto Palazzi). Pagine fulminanti, in cui ricorda che quando un «italiano desidera leggere un libro», ricorre a...

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

L’arte di fare i libri secondo Evaldo Violo

Ripubblicato “Ah, la vecchia Bur!”   *   Articolo tratto da: Succedeoggi luglio 2022  (qui il link)  di Alberto Cadioli   *   L’edizione accresciuta del dialogo tra il direttore (dal 1973 al 2002) della celebre collana economica di Rizzoli e Marco...

Le note di Mussolini

Le note di Mussolini

Corrispondenza Repubblicana   *   di Giuseppe Brienza Articolo tratto da: Il Borghese/Cultura ottobre 2021 (qui il PDF)   *   ppena rientrato dalla Germania, alla fine di settembre 1943, avuto da Hitler l'incarico di costituire...

Gli scrittori si mettono a tavola

Gli scrittori si mettono a tavola

Dall'Artusi a Gadda, un saggio ripercorre il rapporto tra letteratura e cibo in Italia   *   di Giuseppe Polimeni Articolo tratto da: Repubblica luglio 2022 (qui il PDF)   *      urro, quantum sufficit, non più, ve ne...

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

La sapienza segreta dei provenzali oscuri

  In un’antologia poetica del “trobar clus” in lingua occitana lo studioso Zambon individua una linea che arriva al Dante della Commedia e parte dal testo biblico   *   Articolo tratto da: Avvenire giugno 2022  (qui il link)  di Carlo Ossola   *...

Cambellotti Mirabile illustratore

Cambellotti Mirabile illustratore

          DUILIO CAMBELLOTTI IN UN VOLUME DI PAOLA PALLOTTINO   *   Articolo tratto da: Il nuovo Braidese giugno 2022  (qui il link)  di Gianni Brunoro   *     ome sa chi eventualmente segue questa...